CercaEnergia

Reply

Inverter con batterie di accumulo

« Older   Newer »
view post Posted on 20/5/2011, 17:43 Quote
Avatar

Veterano

Group:
Member
Posts:
9,480

Status:


Segnalo l'immissione in commercio di un inverter che ha la possibilità di ricaricare delle batterie, pur continuando ad essere collegato in rete:
www.tecnosun.biz/ cliccate sulla figura dell'inverter verde in basso a sinistra
Dalle prime notizie l'inverter al mattino provvede per prima cosa a ricaricare le batterie, poi cede l'energia prodotta alle utenze domestiche.
La sera quando l'inverter non produce più provvede a erogare con le batterie l'energia ivi accumulata.
La cosa più difficile sembra dimensionare bene il pacco di accumulatori, che per inciso possono essere solo del tipo a gel o AGM.

Prezzo ancora ignoto, mi sto informando quanto costa di più in percentuale rispetto ad uno normale.

Quando autoconsumiamo 1 kWh di energia del nostro impianto FV stiamo "evitando" di far produrre in Italia 2,43 kWh di energia primaria.
 
PM Email  Top
view post Posted on 20/5/2011, 18:19 Quote
Avatar

Seguace

Group:
Member
Posts:
459

Status:


E pur si muove :lighten.gif:

Jesolo ( VE ) Zona E
Gradi giorno 2345 - Irradianza 302 - Altitudine 2 - Lat. 45°32' - Long. 12°38'
Impianto:
Probabile PDC aria-acqua con preriscaldo vespaio piano campagna.
Certamente Termocamino ad acqua
sistema di emissione:
Radiante pavimento zona giorno
Zona notte/bagni in fase di valutazione
 
PM Email  Top
view post Posted on 23/5/2011, 10:28 Quote

Interessato

Group:
Member
Posts:
80

Status:


Approfondire urgentemente!!
 
PM Email  Top
view post Posted on 23/5/2011, 10:51 Quote

Neofita

Group:
Member
Posts:
25

Status:


proprio quello che stavo grufolando nel mio cervellino..... image image
 
PM Email  Top
vignaden
view post Posted on 23/5/2011, 10:58 Quote




illuminatemi, cui prodest ?
 
Top
view post Posted on 23/5/2011, 11:07 Quote
Avatar

Veterano

Group:
Member
Posts:
9,480

Status:


Serve ad autoconsumare quanto più possibile l'energia elettrica prodotta dall'impianto FV.
Poichè l'energia che immetti te la pagano circa 0.12 euro, mentre l'energia prelevata la paghi secondo il consumo medio giornaliero calcolato su base mensile, in base a questa formula:
=SE(C10="";"";SE(C10>12.16;C31*0.33;SE(C10>7.23;C31*0.22;SE(C10>4.93;C31*0.15;C31*0.1))))

conviene organizzarsi per autoconsumare quanto più possibile.
Senza dimenticare l'aspetto ambientale ribadito da quanto ho scritto nella mia firma.

Quando autoconsumiamo 1 kWh di energia del nostro impianto FV stiamo "evitando" di far produrre in Italia 2,43 kWh di energia primaria.
 
PM Email  Top
view post Posted on 23/5/2011, 13:28 Quote

Neofita

Group:
Member
Posts:
25

Status:


Mi sorge un dubbio da genovese:
l'energia usata per caricare gli accumulatori prima non passa nel contatore di produzione?
se è così salta la teoria della convenienza....
 
PM Email  Top
view post Posted on 23/5/2011, 13:33 Quote

Interessato

Group:
Member
Posts:
126

Status:


Quoto ma metto un puntino sulle i:
quando un anno fa prevedevo di fare l'impianto fotovoltaico nella mia abitazione, mi son letto TUTTIi requisiti, le specifiche ed il cosa NON si può fare.
La fonte non la ricordo ma a memoria il conto energia vieta l'uso di qualsivoglia utilizzo di accumulo. Mi sembrava che successivamente ci fosse un chiarimento portando valori massimi consentiti riferiti ai normali UPS da PC.
Questo lo ricordo bene perchè un mio amico che ha eseguito l'impianto ed ha un gruppo di continuità da 4,5 KW con batterie per durata media di 12 ore, sperava nell'integrazione che non è stata possibile per problemi appunto legislativi e non tecnici (il gruppo è predisposto ad accogliere energia dal fotovoltaico).
Magari mi sbaglio, magari le cose son cambiate ... ma senza allaccio all'enel, posso partecipare al conto energia ?

2432 gradi giorno - Fascia climatica E
 
PM Email  Top
ccdental
view post Posted on 29/5/2011, 18:15 Quote




domanda secca e perentoria: posso predisporre accumulatori (batterie gel) nel mio fotovoltaico già inserito nel meccanismo GSE con incentivi e quant'altro garantendomi il DIRITTO DI CONSUMARE LA MIA ENERGIA !!! e non di cederla a prezzo da realizzo... alla Signora ENEL ???
Nel caso non fosse possibile si potrebbe ipotizzare l'uscita dal contratto GSE e rimanere comunque connessi alla rete ENEL da cui attingere al bisogno ??? Ipotizzo che in questo caso il costo dell'impianto potrebbe essere supercompensato, se di adeguata potenza, con un REALISTICO COSTO 0 DELLE BOLLETTE e laddove ci fosse un esubero di energia potremmo cederla al vicino in cambio du ina cassetta di ......verdure.....
Cosa ne pensate ???
 
Top
view post Posted on 30/5/2011, 07:31 Quote
Avatar

Veterano

Group:
Member
Posts:
9,480

Status:


Che non hai capito niente del meccanismo di incentivazione del FV in Italia.
La quota parte maggiore con cui si rientra dell'investimento di un impianto FV è la tariffa incentivante, corrispondente all'incirca all'80% del ricavo annuo di un impianto FV in Italia.
Se esci dal contratto GSE ti tolgono la tariffa incentivante e il suddetto 80%.
A quel punto l'impianto lo ammortizzi in più di 100 anni, hai voglia di aspettare tanto!
Grazie alla tariffa incentivante un impianto si ammortizza in 12 anni circa al nord, in dieci al centro e in otto al sud.

Quindi senza allaccio ENEL o rete pubblica in genere, si chiama impianto ad isola non si può usufruire del Conto Energia.

Ho dimenticato la cosa più importante l'inverter che ho segnalato, appena uscito in commercio, appena significa da qualche settimana, è inserito nella pubblicazione degli inverter collegabili alla rete pubblica aggiornata da ENEL con cadenza all'incirca mensile.

Quando autoconsumiamo 1 kWh di energia del nostro impianto FV stiamo "evitando" di far produrre in Italia 2,43 kWh di energia primaria.
 
PM Email  Top
view post Posted on 30/5/2011, 11:11 Quote
Avatar

Veterano

Group:
Member
Posts:
7,914

Status:


interessante a dir poco.....

Zona climatica E Gradi giorno 2.714 Irradianza 254
Classe A casaclima 21.7 KW/mq/anno
2,97 KW FV Sunpower 333 su gazebo
PDC aria acqua e UTA canalizzata in PAL
recupero acqua piovana 10000 litri
Album muri confine
Album scantinato
Album casa
Album gazebo
Album scala
idrico / condizionamento/elettrico
VMC
 
PM  Top
ccdental
view post Posted on 30/5/2011, 23:25 Quote




dotting, non hai risposto alla prima domanda anche se dal ... tono arguisco che E' VIETATO L'ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA all'interno di un contratto col GSE pena la sua decadenza ! Mi confermi che è così ? In tal caso penso che sia incomprensibile e vessatorio visto che non sto rubando niente ma semplicemente usando la MIA CORRENTE ! Non trovi ??? In tal caso si potrebbe proporre una azione comune presso boh, L'AEEG o altro. Sarebbe utile che si sviluppasse questo punto nel forum anche da un punto di vista legale in quanto molto interessante e critico per la gestione ottimale del nostro caro FTV. Ricordiamoci la storia di Davide e Golia.......
 
PM  Top
view post Posted on 31/5/2011, 08:02 Quote
Avatar

Veterano

Group:
Member
Posts:
9,480

Status:


L'ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NON E' VIETATO.
Semplicemente lo devi fare con apparati sicuri al 101%, che vengono definiti come tali da ENEL e il primo è uscito qualche settimana fa.

Se così non fosse quando tu stai utilizzando l'accumulo, l'inverter produce energia elettrica a 220 V. e il sistema deve staccare l'energia dalla rete pubblica.

Supponi che ci sia un guasto nella rete pubblica, i manutentori stanno lavorando sulla rete che loro hanno staccato con i sezionatori in cabina, ma tu piccolo Davide hai il tuo sistemino, con un inverter non accettato da Enel, che caccia energia sulla rete, sai quanti Golia fai fuori!!

Quando autoconsumiamo 1 kWh di energia del nostro impianto FV stiamo "evitando" di far produrre in Italia 2,43 kWh di energia primaria.
 
PM Email  Top
view post Posted on 31/5/2011, 10:33 Quote

Appassionato

Group:
Member
Posts:
906

Status:


Saputo qualcosa su disponibilità e costi? Se costasse 1000 in più sarebbe interessante assai (ma dubito sia solo 1000 in più....).

Località Selargius (Ca), zona climatica c - gradi giorno 1001.
Impianto con radiatori dimensionati per delta 50°, caldaia a gasolio in piena terza età.
Fv 2,99 orientamento sud-ovest 45 - tilt 15° - solare termico circolazione naturale 200 litri 4,0 mq vetro piano, integrazione scaldabagno elettrico 15 litri.
Involucro 8-5 perlite-12. Trasmittanza 0,685 - Infissi alluminio taglio termico 4-12-4
Piano intermedio, una parete in comune con altro fabbricato (sud-est). Esposizione sud-ovest, nord-ovest per metà lunghezza e per metà con vano scala chiuso T media invernale 13°, nord-est.
Tenda solare a sud-ovest.
Valore calcolato fabbisogno riscaldamento invernale 4350 kwh al netto di apporti interni e solare.
Fabbisogno in caso di ampliamento e congiunzione con piano mansarda senza vano scala aperto: 6122 - con vano scala aperto: 8084 kwh.
Fabbisogno in caso di sostituzione infissi con vetrocamera 4/16/4 1,3 e cappotto 70 mm eps e cartongesso accoppiato a poliuretano nel vano scala confinante con piano sottostante: 3853 KWH.
Impianto ventilazione tipo manuale su base volontaria 3 volte al dì.
 
PM Email  Top
view post Posted on 31/5/2011, 11:06 Quote

Interessato

Group:
Member
Posts:
126

Status:


Effettivamente gli UPS sopra una certa potenza sul secondo conto energia non erano installabili, probabilmente dal terzo conto energia tale vincolo è stato tolto, anzi, è stato regolamentato. Ricordo bene come sulle regole per lo 'scambio sul posto' vietassero gli UPS con durata media a mezzo carico superiore ad un determinato periodo (15 minuti a memoria ma probabilmente è errato)
Non ho sotto mano il secondo conto energia per verificare ... non ci metto mai la mano sul fuoco, specialmente prima di aver verificato uno stralcio di memoria di qualche anno fa.

2432 gradi giorno - Fascia climatica E
 
PM Email  Top
37 replies since 20/5/2011, 17:43
 
Reply